Pagina:Opere di Procopio di Cesarea, Tomo II.djvu/533

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

INDICE 509


  sedio del castello Circesio e della città di Zenobia. — Circondata Sura, città, e presala d'inganno, l'abbandona al furor delle truppe. — Restituisce per danaro a Candido, vescovo di Sergiopoli, i fattivi prigionieri.  Pag. 162 
Capo VI. 

Divisione delle truppe orientali, e duci eletti a comandarle. — Buzez inviato a Gerapoli aringane gli abitatori. — Germano nipote di Giustiniano comandante del presidio di Antiochia; suoi piani di fortificazione. — Megas vescovo di Berea dagli Antiocheni spedito oratore a Cosroe. — Questi chiede danaro ai Gerapolitani. 

» 167 
— VII. 

Cosroe debellata la città di Berea ne fa esecrando scempio. — Megas tornato in Antiochia non può indurne gli abitatori ad attendere le sue promesse. — Va una seconda volta mediatore al persiano duce. — Costui finalmente cede, e condona la vita ai Berei ed al presidio entro la rocca 

» 171 
— VIII. 

Insolenza degli Antiocheni. — Assedio della città. — Confusione degli assediati. — I Persiani, scalate le mura, si impadroniscono di Antiochia. — Vigorosa difesa della gioventù là entro. — Discorso del zabergane a Cosroe; memorabile esempio di castità. 

» 173 
— IX. 

Parlamento di Cosroe all'imperiale ambasceria. — Naturale del re. — Giudizio di Procopio intorno alla fortuna. — Saccheggio ed incendio di Antiochia 

» 178 
— X. 

Segni della rovina di Antiochia. — Rifles-