Pagina:Opere di Procopio di Cesarea, Tomo II.djvu/535

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

INDICE 511


  seni verso i prigionieri d'Antiochia frustrata dall’avaro Buzez. — Carreni trattati urbanamente dal Persiano. — Origine delle pretensioni del monarca persiano su di Costantina. — Dara assediata dall'esercito reale, ma non vinta.  Pag. 197 
Capo XIV. 

Città fondata da Cosroe e ricolma di privilegi. — Ritorno di Belisario dall'Italia in Bizanzio, e nuova sua mandata in Persia. — Dimora di Vitige in Bizanzio durante la guerra, morte di uno degli ambasciadori suoi. 

» 200 
— XV. 

Reali distintivi conferiti ab antico al monarca de’Lazj dal romano imperatore. — Cattivi trattamenti fatti a questo popolo da Pietro e Giovanni comandanti delle imperiali truppe. — Suoi ambasciadori alla presenza di Cosroe per domandarne il patrocinio. — Loro preghiera esaudita 

» 203 
— XVI.  

Belisario fa leva di truppe, spedisce esploratori ed appresta la guerra. — Aringati i minori duci, delibera secoloro. 

» 209 
— XVII. 

Entrata di Cosroe nella Colchide ed ubbidienza prestatagli dal re Gubaze. — Assedio della città di Pietra con grave perdita delle truppe reali. — Minata, arrendesi per capitolazione. 

» 212 
— XVIII. 

Belisario a Nisibi. — Suo parlamento alle truppe. — Nabade assalisce i Romani. 

» 215 
— XIX. 

Belisario sotto le mura di Sisaurano. — Sua aringa ai capitani dell'esercito. — Spedisce Areta a dare il guasto all'Assiria. — Capitolazione dell'antedetto ca-