Pagina:Opere di Procopio di Cesarea, Tomo III.djvu/361

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

LIBRO TERZO 351

timo servigio non appena conseguito l'intento, inviò con essi due Gotti ad esaminare il luogo indicatogli come idoneo al divisato scopo. Questi giunti a piè del muro ed accomandatisi alle funi tosto furono ai merli non levandosi voce di scolta o altro sospetto di tradigione. Da colassù gli Isauri mostrano ai barbari il tutto, e quanto facil ne sia l'andata in alto ed il tornare abbasso affatto liberi da perigli; esortatili da ultimo ad esporre il veduto co' proprj occhi a Totila fannoli col mezzo delle corde stesse dismontare. A tale notizia il re de' Gotti sebbene provasse un piacere sommo, tuttavia, sospettoso degli Isauri, non volle prestarvi molta fede. Laonde corsi pochi giorni ecco ricomparire i traditori a far istanza che non s'indugii l'impresa. Totila nell'accommiatarli spedì seco loro due altri de' suoi perché tornassero ad osservare meglio ogni cosa, ed attenderebbene la riferta ; questi, fatto il comandamento, al tutto confermarono le prime notizie. Intrattanto molti Romani esploratori avvenutisi non lunge dalla città a dieci barbari diretti altrove, conduconli prigioni a Bessa, il quale interrogatili sulli divisamenti del re viene a sapere che avea egli speranza d'insignorirsi della città per la tradigione di alcuni Isauri , non avendovi di ciò più mistero ne' campi loro. Bessa e Conone uditone e non prestatovi per nulla fede trascurarono prendere all'uopo un che di pensiero. Il Gotto visitato per la terza volta dagli Isauri, e vie meglio istigato alla impresa diede loro, partendo, a compagni uno de'suoi consanguinei ed altri personaggi; questi di poi mostrandogli la certa