Pagina:Opere di Procopio di Cesarea, Tomo III.djvu/392

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
382 GUERRE GOTTICHE

sopraggiuntovi da' luoghi vicini riuscì, facendo pruove da dirsene, a procacciare la salvezza di alcuni: se non che al postutto vi dovè egli stesso mordere il suolo in una a quanti erangli dintorno. Tale avvenimento fu di grave danno e cordoglio ai Romani, che in personaggi di sì eminente valore aveano riposto ogni loro speranza. Dei fuggiti ognuno del suo meglio procurò campare la vita, e di essi primo Barbatione, lancia di Belisario, con altri due entrato a spron battuto in Crotone 1 v’appalesa il danno sofferto, aggiugnendo che sembravagli già vedere presso quelle mura il nemico. Belisario altamente addolorato per sì triste annunzio balzò di subito nelle navi, le quali alzata l’ancora e spinte da propizio vento afferrarono in quel dì stesso a Messana2, città della Sicilia di rimpetto a Regio, ed a settecento stadj da Crotone.


C A P O XXIX.
L'Illirio messo a ferro e fuoco dagli Sclabeni. Tremuoti. Straordinaria inondazione del Nilo. — Presa d’un cetaceo nomato Porfirione. — Totila assedia il castello Rosciano.

I. Di questi tempi le armi degli Sclabeni, valicato il fiume Istro, posero crudelmente a sacco tutto l’Illirico sino ad Epidanno, ed a quanti avvenivansi, non compassionando nè sesso nè età, davan subita morte, o spo-

  1. (1) Città della Calabria Ulteriore, al di là dei monti in Italia.
  2. (2) Messina.