Pagina:Opere di Raimondo Montecuccoli (1821).djvu/282

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
262

campo di battaglia nel fior dell’età procacciando con la sua fama il trono della Toscana al suo figliuolo Cosimo primo granduca. Ma chi fra’ nostri scrittori celebrò il nome di questo giovine eroe? Per coronare una tomba italiana io devo cogliere i fiori in terre straniere1.

IV. Giova dire dell’uso di due cavalli per cavaliere, uso celebrato sino da’ tempi antichissimi e dismesso da noi: Numidae.... quibus, desultorum in modum, binos trahentibus equos inter acerrimam saepe pugnam in recentem equum ex fesso armatis transultare mos erat 2. Siffatti cavalieri eran detti άμφίπποι nella tattica antica perchè i combattenti saltavano da un cavallo su l’altro 3: costume serbato da’ Tartari e prescritto dal Montecuccoli 4. Oltre a’ due cavalli ogni archibugiere italiano aveva un palafreniere e un ronzino al modo del soldato lacedemone che in guerra era servito da un iloto. Sino a tutto il secolo XVI la cavalleria eletta componeasi di gentiluomini militanti a loro spese, seguitati da’ servi e scudieri, i quali fuor di fazione portavano su ronzini l’armatura de’ loro signori. Quantunque dopo quel tempo la cavalleria tutta toccasse stipendi, serbavansi i ronzini e i garzoni per servizio de’ corazzieri5, e la cavalleria secondo

  1. «Giovannino de’ Medici avea tutte le virtù d’un grande capitano, e fu stimato e compianto come il maggiore de’ guerrieri di tutta l’Italia». Brantôme, Memorie di Giovannino e di Cosimo . — Datosi alle armi dalla prima gioventù, divenne il più celebre guerriero che l’Italia avesse prodotto mai». Roscoe, Life of Lorenzo de’ Medici, c. 10, su la fine.
  2. Livio, Hist., lib. XXIII, cap. 29
  3. Di doppio cavallo; Arriano, libro tattico, cap. 3.
  4. Aforismi, cap. 16, paragr. 4.
  5. Melzo, capit. 3, in fine.