Pagina:Opere di Raimondo Montecuccoli (1821).djvu/293

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


273

tiamone l' esempio. Le mine sono nate in Italia, e in Italia hanno ricevuto quella perfezione che il predominio dell'italiano ingegno poteva lor dare a quel tempo: la natura ha pur dato agli Italiani d'oggidì quell' attitudine all’inventiva, quella vivacità d’intelletto, e quell’animo d’affrontare le cose più difficili, di che andarono forniti i loro maggiori; non manca ad essi che l’impulso, e una meta. E questo impulso l’avranno ogni volta che si fonderanno buone scuole pratiche, ove l’uffiziale già erudito nella teorica dell’arte verrà a cimentarla coi varii accidenti dei terreno , e a vederne e studiarne parti lame nte gli effetti , non mai pienamente intesi né sentiti alla semplice lettura dei libri che li descrivono. Quivi il soldato imparerà a vincere le difficoltà tutte che nascono improvvise nell’esecuzione de’ lavori o dalle terre diverse, o dalle vene impreviste, o dalle circostanze mutevoli sempre dell'atmosfera degli agenti che adopera, del tempo che i casi ora permettono, ora tolgono : quivi si esamineranno le nuove scoperte, e si aggiungeranno con maturità di giudizio alle dottrine già conosciute : quivi in somma si educheranno guerrieri arditi , e abili a condur poscia, e a reggere in guerra viva quella moltitudine d’inesperti che è pur sempre necessaria nei lavori di cui parlo. Lo studio pratico delle mine renderà più agevole la costruzione e l’uso di quelle opere tumultuarie, che si fanno in campagna da chi ha più senno,ora per agevolare la sorpresa d’un’opera, ora per alloggiarvisi e tenervisi, ora per dare con