Pagina:Opere scelte di Ugo Foscolo I.djvu/220

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

183

strada, onde tornare alla patria; ma, se altra per voi, o per altri dappoi fie trovala, che alla fama e all’onore di Dante non deroghi, per quella con passi non lenti mi metterò. Che se per niuna cotale si entra in Firenze, in Firenze non entrerò io mai. E che? mi fie dunque conteso isguardare, dovunque mi sia, la spera del sole e delle stelle? non potrò forse speculare dappertutto dolcissime veritadi di sotto del cielo, ch’io prima non mi faccia inglorioso, anzi ignominioso al popolo fiorentino, e alla sua gran villa? pane certo non mi mancherà1». Nondimeno seguitò a provare,

  1. Lettera di Dante, che conservasi nella Laurenziana a Firenze: Pluteo xxix, cod. viii. fol. 123. «In licteris vestris et reverentia debita et affectione receptis, quam repatriatio mea cure sit vobis ex animo, grata mente ac diligenti animadversione concepi. Etenim tanto me districtius obligastis, quanto rarius exules invenire amicos contingit, ad illam vero significata respondeo, et si non eatenus qualiter forsan pusillanimitas appeteret aliquorum, ut sub examine vestri consilii sit ante judicium, affectuose deposco. Ecce igitur quod per licteras vestri meique nepotis nec non aliorum quamplurimum amicorum significatum est mihi per ordinamentum nuper factum Florentie (sic) super absolotione bannitorum, quod si solvere vellem certam pucunie (sic) quantitatem vellemque pati notam oblationis el absolvi possem et redire at presens (sic) in quo quidem duo ridenda et male perconsiliata sunt. Pater, dico male perconsiliata per illos qui talia expresserunt nam vestre litere (sic) di-