Pagina:Opere scelte di Ugo Foscolo I.djvu/60

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

RITRATTO


DI


UGO FOSCOLO


SCRITTO DALLA SIGNORA


ISABELLA TEOTOCHI ALBRIZZI







Chi è colui? richiedi al tuo vicino. Nol sa. Tu smanioso corri a me, e mel domandi. Or bene; del volto adunque, e dell'aspetto ne sai quanto basta: volto ed aspetto che ti eccitano a ricercarne, ed a conoscerne l'animo e l'ingegno. L'animo è caldo, forte, disprezzatore della fortuna, e della morte. L'ingegno è fervido, rapido, nutrito di sublimi, e forti idee; semi eccellenti in eccellente terreno coltivati e cresciuti. Grato alla fortuna avara, compiacesi di non esser ricco, amando meglio esserlo di quelle virtù, che esercitate dalla ricchezza quasi più virtudi non sono. Pietoso, generoso, riconoscente, pare un rozzo selvaggio ai filosofi de'nostri dì. Libertà,