Pagina:Opere scelte di Ugo Foscolo II.djvu/55

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
54

della patria agli eroi. Morbi e superstizioni de’ sepolcri promiscui nelle chiese cattoliche. Usi funebri de’ popoli celebri. Inutilità de’ momunenti alle nazioni corrotte e vili.

Le reliquie degli eroi destano a nobili imprese, e nobilitano le città che le raccolgono: esortazioni agl’italiani di venerare i sepolcri de’ loro illustri concittadini; que’ monumenti ispireranno l’emulazione agli studi e l’amor della patria, come le tombe di Maratona nutriano ne’ Greci l’abborrimento a’ Barbari.

Anche i luoghi ov’erano le tombe de grandi, sebbene non vi rimanga vestigio, in fiammano la mente de’ generosi. Quantunque gli uomini d egregia virtù sieno perseguitati vivendo, e il tempo distrugga i lor monumenti, la memoria delle virtù e de’ monumenti vive immortale negli scrittori, e si rianima negl’ingegni che coltivano le muse. Testimonio il sepolcro d’Ilo, scoperto dopo tante età da’ viaggiatori che l’amor delle lettere trasse a peregrinar alla Troade; sepolcro privilegiato dai fati perchè protesse il corpo d’Elettra da cui nacquero i Dardanidi autori dell’origine di Roma, e della prosapia de’ Cesari signori del mondo. L’autore chiude con un episodio sopra questo sepolcro: