Pagina:Opere scelte di Ugo Foscolo II.djvu/86

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

85


GUITTONE D’AREZZO


fioriva


intorno al mccxx



Quanto più mi distrugge il mio pensiero
     Che la durezza altrui produsse al mondo,
     Tanto ognor, lasso! in lui più mi profondo,
     E col fuggir della speranza, spero.

5Io parlo meco, e riconosco il vero,
     Chè mancherò sotto sì grave pondo
     Ma il mio fermo desio tanto è giocondo
     Ch’io bramo e seguo la cagion ch’io pero.

Ben forse alcun verrà dopo qualche anno,
     10Il qual leggendo i miei sospiri in rima,
     Si dolerà della mia dura sorte:

E chi sa! che colei che or non mi estima,
     Visto con il mio mal giunto il suo danno,
     Non deggia lagrimar della mia morte.