Pagina:Opere varie (Manzoni).djvu/100

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
94 adelchi

CORO DELL’ATTO TERZO

ripristinato nella sua originaria integrità1


Rule Segment - Span - 20px.svgRule Segment - Span - 20px.svgRule Segment - Span - 20px.svg

Dagli atrii muscosi, dai Fori cadenti,
Dai boschi, dall’arse fucine stridenti,
Dai solchi bagnati di servo sudor,
Un volgo disperso repente si desta;
Intende l’orecchio, solleva la testa
Percosso da novo crescente romor.

Dai guardi dubbiosi, dai pavidi volti,
Qual raggio di sole da nuvoli folti,
Traluce de’ padri la fiera virtù:
Ne’ guardi, ne’ volti confuso ed incerto
Si mesce e discorda lo spregio sofferto
Col misero orgoglio d’un tempo che fu.

È il volgo gravato dal nome latino
Che un’empia vittoria conquise e tien chino
Sul suol che i trionfi degli avi portò;
Che, in torbida voce, qual gregge predato,
Dall’Erulo avaro nel Goto spietato,
Nel Vinnulo errante, dal Greco passò.

S’aduna voglioso, si sperde tremante,
Per torti sentieri, con passo vagante,
Era tema e desire, s’avanza e ristà;
E adocchia e rimira scorata e confusa
De’ crudi signori la turba diffusa,
Che fugge dai brandi, che sosta non ha.

  1. I versi stampati in corsivo sono quelli che mancano all’Adelchi, quale venne pubblicato vivente l’autore, in obbedienza ai voleri della Censura austriaca.