Pagina:Opere varie (Manzoni).djvu/61

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

atto terzo. 55


SCENA IX.


ADELCHI e DETTI.


                       adelchi.
                            Padre, ti trovo!
                    (s’abbracciano)

                       desiderio.
S’io t’avessi ascoltato!

                       adelchi.
                              Oh! che rammenti?
Padre, tu vivi; un alto scopo ancora
È serbato a’ miei dì; spender li posso
In tua difesa. - O mio signor, la lena
Come ti regge?

                       desiderio.
                      Oh! per la prima volta
Sento degli anni e degli stenti il peso.
Di gravi io ne portai; ma allor non era
Per fuggire un nemico.

                       adelchi.
                     (ai LONGOBARDI)
                              Ecco, o guerrieri,
Il vostro re.

                     un longobardo.
                    Noi morirem per lui!

                    molti longobardi.
Tutti morrem!

                       adelchi.
                     Quand’è così, salvargli
Forse potrem più che la vita. - E a questa
Causa, or sì dubbia ma ognor sacra, afflitta
Ma non perduta, voi legate ancora
La vostra fede?

                    un longobardo.
                       A’ tuoi guerrieri, Adelchi,
Risparmia i giuri: ai longobardi labbri
Disdicon oggi, o re: somiglian troppo
Allo spergiuro. Opre ci chiedi: il solo
Segno de’ fidi è questo omai.

                       adelchi.
                                     V’ha dunque
De’ Longobardi ancora! - Ebben; corriamo
Sopra Pavia; fuggiam, salviam per ora
La nostra vita, ma per farla in tempo