Pagina:Opere varie (Manzoni).djvu/77

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

atto quarto. 71


SCENA II.


Notte. Interno d’un battifredo sulle mura di Pavia.

Un’armatura nel mezzo.


GUNTIGI, AMRI.


                       guntigi.
Amri, sovvienti di Spoleti?

                        amri.
                                  E posso
Obbliarlo, signor?

                       guntigi.
                       D’allor che, morto
Il tuo signor, solo, dai nostri cinto,
Senza difesa rimanesti? Alzata
Sul tuo capo la scure, un furibondo
Già la calava; io lo ritenni: ai piedi
Tu mi cadesti, e ti gridasti mio.
Che mi giuravi?

                        amri.
                     Ubbidienza e fede
Fino alla morte. - O mio signor, falsato
Ho il giuro mai?

                       guntigi.
                       No; ma l’istante è giunto
Che tu lo illustri con la prova.

                        amri.
                                        Imponi.

                       guntigi.
Tocca quest’armi consacrate, e giura
Che il mio comando eseguirai; che mai,
Nè per timor nè per lusinghe, fia,
Mai, dal tuo labbro rivelato.

                        amri.
                (ponendo le mani sull’armi)
                                     Il giuro:
E se quandunque mentirò, mendico
Andarne io possa, non portar più scudo,
Divenir servo d’un Romano.

                       guntigi.
                                      Ascolta.
A me commessa delle mura, il sai,
È la custodia; io qui comando, e a nullo
Ubbidisco che al re. Su questo spalto