Pagina:Ordini di cavalcare (1571).djvu/59

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

SECONDO 43

& della bacchetta il piu delle volte in castigarlo, et farlo andare liberamente.

[Quando si dee dargli la carriera.]Et allora che sa ben parare, & fa le posate , se gli potrebbe a vostra posta donar la carriera, come avanti un’altra fiata fu detto; che prima di questo sarebbe errore: & al tenere si vuol’aiutar alle posate, che le fara maravigliose, et belle, & non aiutandosi da se stesse pure le fara.

[Aiuto di voce al parare.]Io non so se intendeste, quando ho detto che al tenere si aiuti il Cavallo con la voce. per questo quanto piu posto diffusamente dichiaro , che quando l’aiuterete di voce, direte a tempo questa parola, con un tuono da porgergli animo, hap, hap, overo hep hep, overamente quando volete aiutarlo ch’egli si lievi, non solo avanti, ma anco di dietro, & tanto piu a i salti, o con calci, o senza calci direte, hop, hop.

[Aiuto di voce alle volte.]Si potrebbe anco al tenere aiutar con la lingua, che ponendovi la punta di essa quasi nel mezoo del vostro palato, & in un tempo quella sciogliendo, & cominciando a snodare, & a scoccare, farete un certo suono di lingua, che sara mirabile soccorso del Cavallo, non tanto al tenere, perche allora quell’aiuto di voce che disse prima, gli convien piu, ma quando si vuol’aiutar alle volte semplici del repolone, & alle volte quando raddoppia. il quale aiuto di lingua , benche sia impossibil cosa scrivere, & dirlo piu aperto di quello che ora vi dico, son certo che non solo voi, ma ogniuno che ha discorso, chiaramente l’intende.

[Castigo di voce, quando erra.]Ma è ben da notarsi, che si voglion’usare le parole differenti da questo , quando uolete, per alcun disordine , castigarlo di voce, come su detto nel primo libro, & si dira negli altri luoghi ove accaderà. Et accioche non vi confondiate, vi dico, che quando egli usa qualche malignità, o di muover la testa, o d’impennarsi , o si pone in su la briglia, overamente procede in altri errori, il castigo di voce sara horrendo, & iratamente direte con un grido aspro qualunque piu vi piacerà di queste parole, orsu, orsu, o la, o la, ha ha traditore, ha ribaldo, torna, torna, ferma, ferma, torna qui, torna qui, & in simili modi. nondimeno pur che’l grido sia terribile, direte quella parola che vi parerà piu conforme , & al proposito a terrore , & correttion del Cavallo, & continuerete questo sin tanto che egli dura nel disordine ; et farete la voce piu o meno alta, secondo che piu o meno sara la gravità dell’errore. [Carezze, quãdo quando quando si corregge, quali esser debbano.]Ma quãdo quando quando egli sara gia vinto, dovete dapoi subito tacere, overo con un tuono piaceuole & bassa mutar voce, assecurandolo sempre, & toccandogli con la man destra sopra la marcatura del collo, & o in essa fra i crini , o verso il garrese alcuna volta grattargli, o con voce sommessa direte questo, ho, ho, ho, ho, & piu & meno secondo che conoscerete che basti per assecurarlo, & in un tempo questo direte con la bocca, & quello farete con la mano.

[Aiuto di voce in farlo ]Di piu anco dico, che al maneggiar del Cavallo a repoloni, & cosi quando trotta, over galoppa, & corre, in qualunque modo si sia ; ogni fiata che ho detto

&