Pagina:Orologio di Flora.pdf/32

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

26

VIII. POMERIDIANE


XXIV. ITALIANE




GIGLIO ROSSO SELVATICO


HEMEROCALLIS FULVA


Mette un fiore di color sanguigno assai carico, foglie in forma di spada, se ne distilla un’acqua per imbiancare la pelle; dicesi fior d’un giorno, e tal è la sua durata.



Dell’Ora ottava al raggio
     S’infiora il ciel vermiglio;
     S’apre il silvestre giglio
     4Espero a vagheggiar.

Di sangue il tinse Venere
     Dal suo figliuol ferita;
     E nelle foglie imita
     8Di Marte il crudo acciar.

Eppur soave lagrima
     Geme di dolce umore,
     Caro alle Belle, e muore
     12Col giorno che il destò.

Dove il diletto abbonda
     Prossimo è il duol, mia cara,
     Tardi in amor s’impara,
     16Quel che pur troppo io sò.