Pagina:Osservazioni intorno alle vipere.djvu/26

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
28 OSSERVAZ. INT. ALLE VIPERE

sed in vulnere nocent; E dopo di Celso ce lo avvertirono ancora Galeno nel terzo libro de temperamenti, e l’Autore della Triaca a Pisone nel decimo capitolo; ma più gentilmente di tutti Lucano allor che descrisse Catone conducente il Romano esercito per le solitudini arenose della Libia.

               Iam spissior ignis,
Et plaga, quam nullam superi mortalibus ultra
A medio fecere die, calcatur, ed unda
Rarior: inuentus medijs fons unus arenis
Largus aquæ; sed quem serpentum turba tenebat
Vix capiente loco, stabant in margine siccæ
Aspides, in medijs sitiebant dipsades undis.
Ductor ut aspexit perituros fonte relicto,
Alloquitur: vana specie conterrite lethi
Ne dubita miles tutos havrire liquores:
Noxia serpentum est admixto sanguine pestis:
Morsu virus habent, e fatum dente minantur.
Pocula morte carent: dixit, dubiumque venenum
Hausit.

Per confermatione di questo vero, quando non vi bastassero tutte le sopradette riprove, ed autorità, sappiate, che diverse perso-