Pagina:Otello - La tempesta - Arminio e Dorotea, Maffei, 1869.djvu/340

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
326 la tempesta.

Bersi dovrà, chè le dolci sorgenti
Non vorrò già mostrargli.

                       stefano.
                      (a Trinculo).
                                    Orsù! ti guarda
D’aprir più bocca: se t’arrischi ancora
D’interrompere il mostro, io, vedi! all’uscio
Metto la pazïenza, e ti trasformo
In mummia di merluzzo.

                       trinculo.
                                  E che t’ho fatto?
Or ben, da voi mi scosto.

                       stefano.
                                  E ch’egli mente
Detto or ora non hai?

                        ariele.
                             Tu menti!

                       stefano.
                                            Io mento?
                        (Lo batte.)
Prendi! e se ciò ti garba, una mentita
Nova mi da’.

                       trinculo.
                    Nessuna io te n’ho data.
O che? senno ed orecchio hai tu perduto?
Maladetto quel fiasco! Ecco bei frutti
Del trincar senza modo! Che la peste
Colga il tuo mostro, e il diavolo ti storpi
Le dita.