Pagina:Panzini - Il bacio di Lesbia.djvu/124

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
122 alfredo panzini


un servo. S’avvide che costui, guardandola, stupì e non fe’ motto.

— Presto, la rheda, — disse Clodia —, e due cavalli dei migliori. E ricordati che tu sei muto!

A corsa disperata usci di Roma per porta Capena. L’auriga al comando di lei staffilava i corsieri per la via Appia. Di fuga attraversò Velletri e Formia. Tutti i clienti salutavano al passaggio di Clodia che pareva Clodio.

La saggia sorella preparava, per ogni buon conto, un alibi per il fratello.

Soltanto, quando passò per Boville, a lei sembrò, per strana premonizione, che il sole, tramontante nel mare, tingesse tutto di sangue.