Pagina:Panzini - Il bacio di Lesbia.djvu/167

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

il bacio di lesbia 165

Ma Francesco Petrarca quando scrisse quella canzone, si degna dell’immortalità, era già arrivato al confine della vita; e Laura, poi, era morta da tanto tempo che quegli ardori carnali di lui non potevano essere sentiti se non in spèculo et aenigmate.

Potremo anche ricordare poeti di Francia antica e di Francia nuova, poeti d’Inghilterra, poeti di Germania non troppo lontani da noi, che si rivolsero alla Regina del Cielo affinché volgesse i suoi occhi, cosi ricchi di pianto, sopra le umane miserie. Si tratta di nobili poeti e perciò quelle loro preghiere in poesia sono vere.

In poesia non si finge perché se la poesia è finta è già morta. Chi finge è ignobile poeta.

Pregarono anche i re che siedono a giudici degli uomini. Pregarono anche i popoli. I pagani purificavano anche i campi con le preghiere, e cosi fanno i cristiani nel mese di maggio. Può anche avvenire che uomini e popoli siano colpiti da afasia, e allora non sanno, non possono più pregare : sono colpiti da amnesia, non ricordano più le preghiere. E allora non più le palme, ma il pugno chiuso rivolgono al cielo, fanno crollare i templi e qualche volta si uccidono fra loro : la loro iconoclastia si trasmuta in antropoclastia.

Ma quei poeti, quei re che cantarono i loro