Pagina:Panzini - Il bacio di Lesbia.djvu/208

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
206 alfredo panzini


Chio, di vino della lor landa incantata, spumoso come sangue.

Ma no! noi non abbiamo itinerarii, noi non abbiamo termine e mèta: noi andiamo dove ventura ci porta.

Addio, dunque, addio, pretore Memmio, statti bene, amor mio: Catullo se ne va. E voi, compagni cari, ci rivedremo quando ci rivedremo.

Strade molte, strade varie! Al paese suo natio onde un giorno uom si partì, un bel di si rivedrà.