Pagina:Panzini - Il bacio di Lesbia.djvu/216

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
214 alfredo panzini

— Sono buone come altre mai. Noi eravamo il navigante sconsolato, e ora siamo consolati.


Pieno di giudizio Catullo è ritornato. Ridete tutti, padroni e servi. Macché servi! Macché padroni! Dove si ride, non ci sono né servi, né padroni! Rida tutta la casa, ridano di bei risolini anche le onde del lago. Sentite? Ridono, vive veramente, le onde del nostro lago, e fan chiacchiericci coi sassolini. Ridono e ballano anche i pesciolini del lago.