Pagina:Panzini - Il bacio di Lesbia.djvu/229

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


CONCLUSIONE DI QUESTO LIBRO

PER LE PERSONE ISTRUITE

Per la grazia degli Dei tutta questa umanità tumultuante sepulta est. Sopra il lago morto galleggia appena qualche fior di ninfea.

La nostra cara Lesbia contempla i pallidi fiori del suo poeta, e siccome conosceva il modo di scrivere di quel suo amico, ne trasse copia con quella bella scrittura che lei aveva, e mise un po’ d’ordine di quelle poesie cosi disordinate.

Di questo manoscritto la Signora, con pensiero gentile, aveva fatto dono alla città di Verona.

Ma ecco arrivò l’evo medio quando si diceva «mille e non più mille», e i libri morivano allora come, per altra morte, moriranno ancora.

Avvenne che un monaco trovò in un monastero questo manoscritto di Catullo, che quel monaco non conosceva manco di nome.

Che cosa ne fece quel monaco di quel manoscritto, non si sa bene. Lo portò via? ne fece estrarre delle copie? lo raschiò per scrivere salmi?

Da quel tempo nessuno, nemmeno per incidenza, ricordò il nome di Catullo.

Pare poi che uno scrìvano, al tempo di Can della Scala, trovasse, sotto un moggio, un libriccino