Pagina:Panzini - Il bacio di Lesbia.djvu/90

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
88 alfredo panzini


ti amerò in eterno sino alla morte, andrò solo in India e nella arsa Libia, a farmi sbranare dai cerulei leoni.

E fece gran giuramento.

Mentre lui parlava, Acmene piegava lieve la testa indietro, con le labbra porpuree, baciate e ribaciate, per contemplare gli occhi ebbri del giovinetto.

Si, cosi, ella disse, o Settimillo, o vita mia, siamo servi senza fine al signor nostro Amore cosi come è vero che ora, ben più forte che mai, amore penetra entro le mie tenere carni.

Allora il Dio d’amore approvò.

Con quel felice auspicio, Acmene e Settimillo mossero per loro destino. Amano e si amano di scambievole amore. Quel poverino di Settimillo, cosi ferito da Amore, antepone di possedere Acmene che non tutta la Siria e tutte le isole di Britannia. E Acmene è fedele a lui solo, a lui solo, a Settimillo, fa a lui gioia e libidini.

«Chi vide mai creature più liete? Per chi il voluttuoso Amore sorse sotto migliori auspicii?».


Cosi finiva la canzone di Settimillo.