Pagina:Panzini - Il romanzo della guerra, Milano, Lombardo, 1914.djvu/122

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Dite che in ogni caso l’Italia, la sola grande Potenza europea rimasta neutrale al conflitto, ha perciò stesso segnata la sua missione di mediatrice fra i belligeranti»?

Anche Teodoro Wolff, nel Berliner Tageblatt dice lo stesso: conforta cioè l’Italia a conservare la più stretta neutralità: «perchè se in Italia le passioni non trionferanno sul buon senso, il suo compito potrà allora essere importante. È l’unica grande Potenza neutrale dell’Europa, e, senza questo disturbante chiasso, parrebbe destinata più d’ogni altra alla parte di mediatrice per la pace».

— Ah! tristi giorni — mi diceva ieri sera una donnetta semplice — per chi ha figliuoli sotto le armi!

— E per chi ha occhi veggenti! — dissi fra me.

***

24 Settembre. Giovedì. Bora, bora! Ha nevicato anche lassù in Carpegna.

Le aiuole delle campanelle si sbattono con paura, son vizze, non hanno più colore. Sul mare livido le onde accorrono con fragore di battaglia:

il sole vi batte ogni tanto sprazzi di un biancore troppo lucido.

Il tenentino — che era venuto qui per cura — ha ricevuto ordine di ritornare al reggimento. Parte stamane. La sua sorella, piccina e gracile, trema come i fiori! Un’anima linda e dolce. Qui, al mare, ella non