Pagina:Panzini - Il romanzo della guerra, Milano, Lombardo, 1914.djvu/59

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


lo confessò con candidezza, diafana come le sue mani.

Passammo ad altro. È vero, come scrive Ivanoe Bonomi, che la Triplice è già un’alleanza cadaverica e che l’Italia non deve fare i sei mesi di lutto prima di passare a nuove nozze?

Per Missiroli la triplice alleanza sussiste ancora, ed adduce l’autorità di Bismark; ma forse un cadavere c’è...

Si parla dell’onorevole Bissolati, che fino a ieri era contro le «spese improduttive», ed ora fa gli esercizi militari a Roma. Ma il popolo può avere l’alta coscienza, la lealtà dell’on. Bissolati? Il popolo viene sotto le armi dalle officine, dai campi. Sente dagli ufficiali:

«Italia, onore, dovere, disciplina, bandiera!» Sono le parole contro le quali essi hanno imparato di stare in guardia!

Andiamo a cena insieme.

Leggiamo una lettera di un famoso nazionalista. È fuori della grazia di Dio! Ieri voleva far la guerra alla Francia, oggi — almeno — all’Austria. Un po’ troppo!

***

Sono tornato a Bellaria, convinto che tutto è finito Riposo un po’.

È vespero. Sento di là la voce di Serra. Ci salutiamo; entra nella stanza; si siede nella poltrona. Gli espongo — così, un po’ convulso — i ragionamenti di Missiroli.