Pagina:Panzini - Novelle d'ambo i sessi.djvu/182

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
170 novelle d'ambo i sessi


— Bifolco cosa vuol dire?

— Non sa cosa vuol dire bifolco?

— No.

— Venga qui. — E condotto che l’ebbi sul limitare, gli additai la campagna. — Vede là in fondo del campo quella piccola macchia che si muove? Quello è un bifolco che falcia.

— Un contadino.

Seguitai a dettare: il bifolco, col viso a terra, urlava supplicando: Mercurio, aiùtami! Ma Mercurio disse: O infingardo, prima aiùtati da te, premi su le ruote, sospingi il carro con ogni forza, sferza i cavalli, pèntiti della tua infingardaggine e allora ti aiuterò. Morale....

— Il nostro professore, — osservò Cirillino, — non metteva mai la morale.

— Ed io la metto, e non accetto interruzioni: Morale: Soltanto chi la sua vita conquista con la fatica di giorno in giorno, è degno della libertà e della vita.

Guardai il dettato:

— Lei ha pessima scrittura. Il suo professore non le ha mai detto che lei ha pessima scrittura?

— No.

— E poi manca tutta la punteggiatura.

— La metto dopo.

— Ah, la mette dopo?