Pagina:Panzini - Trionfi di donna.djvu/167

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

il trionfo di nadina 163

dava a sè stesso che ne faceva oramai della sua vita. Nulla! era la risposta.

Ma poichè ebbe scorsa quella ignota lettera, le fiamme della vita furono per nuovo alimento in lui riaccese. Le pupille ritrovarono le lagrime, le membra benedirono e invocarono la forza.

Nadina scriveva all’amico lontano e obliato.

***


Un uomo percorreva nella notte e nel furore di un treno diretto la lunga strada che dall’Italia a Parigi conduce.

Era l’uomo dai sandali francescani a cui Nadina chiedeva, a grande voce, disperatamente soccorso.