Pagina:Panzini - Viaggio di un povero letterato.djvu/249

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

xxi. - L’alloro ed il cipresso 233

vi do, oggi, o pòpolo, da mangiare per niente!» dicea. Bene gli uòmini le gettàvano parole salaci. Ma ella teneva fronte a quei motti, e pur non cessava dal contare il rame ed il nichel su le pìccole palme, limate dall’acqua del mare. — Va là, Marcòn! — disse quand’ebbe finito: e lanciò la sua rozza, disperata lei e la rozza, pel lungo viàggio nell’arsa campagna.

«Poeta? che cosa suona poeta e casa del poeta fra questa gente?» dicevo fra me.

L’ombra del fiaccheraio, allora, mi si appressò.

— Se lei — disse delicatamente, e con bel garbo — se lei si ferma molto per i suoi affari....

— Vi ho già detto che non ho affari....

— Insomma, per quello che ha da fare. Non vòglio sapere i suoi interessi....

— Ebbene?

— Stacco la bèstia, e lei mi trova qui all’osteria. Màngio un pezzo di pane....

— E pigliate un altro aperitivo, — dissi. — Va bene. Ed ecco il franco per l’aperitivo e pel pane. È questo che volevate dire?

Questa volta ci eravamo intesi: non però pienamente; chè lui parve dire: «lei