Pagina:Panzini - Viaggio di un povero letterato.djvu/72

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
56 viàggio d’un pòvero letterato


— Quali?

— Ma la bontà, la pietà per gli infelici, l’eroismo — disse Mimì con entusiasmo — , la fratellanza umana, il progresso umano, e poi le bellezze del creato. Non esìstono forse tutte queste cose?

— Se voi ci credete, esìstono.

— Voi non ci credete, forse? — domandò Mimì.

— Sì, ma così e così. Questo vi volevo dire, Mimì, che oggi il mondo è un così fragoroso macchinàrio che non si sentono più le voci delle tombe. Della qual cosa è prova il fatto che molti poeti si sono messi a celebrare il frastuono dei motori e dei macchinari.

— Ohe cosa dite?

— Niente, Mimì. I riccioletti del mattino si scòssero a queste mie parole attorno al visetto glabro e incipriato di Mimì; i suoi occhi tondi e superficiali si fècero più tondi.

Mimì veniva da una lunga tournée nell’America del sud, e perciò ignorava i più recenti prodotti della poesia nazionale.

— Niente, Mimì; ma per cantare le bellezze e anche le bruttezze del creato, occòrrono volti terrìbili e facce barbute.