Pagina:Panzini - Viaggio di un povero letterato.djvu/76

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
60 viàggio d’un pòvero letterato


— Voi del resto avete avuto sempre belle mani, anche quando non usàvano le manicure per tagliar le pipite. «Le belle mani!» Ecco un tìtolo squisitamente femminile. Un uomo sarebbe grottesco a intitolare così una sua poesia; mentre una donna può dire benìssimo, le belle mani, i bei fianchi, il bel ventre, e altre cose del gènere. Vedete la differenza tra il poeta e la poetessa? Mi piace: leggiamo.

La poesia cominciava:

Che belle mani avete;
Mi dite spesse volte
.


— Chi dice così? È l’amante, vero, che dice così?

— Certo.

— Quale amante?

— Ma l’amante ideale. Andiamo, seguitate a lèggere.

Dunque seguitai a lèggere quei versìculi. Essi costituivano tutta una litania delle opere benèfiche e caritatèvoli delle sue mani. La poesia concludeva così:

Le mani, o mio gentile,
Che mi lodate tanto,
Belle non sono soltanto,
Son buone mani ancora.