Pagina:Panzini - Viaggio di un povero letterato.djvu/90

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
74 viàggio d’un pòvero letterato

mòbile, perchè devo recarmi appunto a Scaricalàsino.

La signora non conosceva questo paese. Aveva viaggiato mezza Europa; conosceva tutti gli Eden, le Folies, i Trianons, i Moulin-Rouge d’Europa e d’Amèrica; ma non conosceva Scaricalàsino.

Per tal modo appresi che la signora era artista: ma assai più artista di lei era la biondina, anzi «cèlebre artista».

Mi feci attento. Artiste! Le signore allora appartenèvano all’almanacco di Gotha dell’alta sozzura.

— Artista di canto, la signora bionda? — domandai.

La signorina la xe artista de balo, e che artista! — Come? io non l’avevo riconosciuta? — Ghe xe i ritrati per tuti i cantoni! Lu nol conosse Lydia Dolores?

Confessai la mia ignoranza.

Stupì. Domandò: — Ela no la ga mai visto Lydia Dolores balar la danza egìzia? el tango autèntico? la matchiche? la danza serpentina? la danza russa, tutta nuda?

— Tutta nuda?

No ghe xe gnente de mal.

— Non dico di no. È che io, signora, ho l’abitùdine di alzarmi nell’ora in cui si comìnciano a ballare queste danze; —