Pagina:Panzini - Viaggio di un povero letterato.djvu/97

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

viii. - Le due milionàrie 81


— Adesso la svèglio io — disse la bruna — . Volete vedere? volete vedere? — E senza attèndere una mia risposta, battè a palma a palma e gridò gioiosamente: — Nineta, xe qua Rafaelo d’Urbin!...

A questo richiamo la biondina balzò di colpo; le pupille le balenàrono lànguide, ardenti, indagatrici:

Dove xelo, dove xelo?

El xe a leto che el dorme. Macaca! E la biondina ricadde giù con la testa.

Galo visto? Cossa vorlo mai — riprese saviamente la bruna — che anca ela, povareta, la possa farse una fortuna? La se magnerà quel fià che la guadagna co le so onorate fadighe. Che la lassa passar i trenta, e pò, adio Nineta!

Domandai chi era Rafaelo d’Urbin.

El xe un pitor futurista, che el fa el romàntico, el d’Artagnan. Ma mi digo che el xe un pitor truffaldin e mirabolàn. El xe de Màntova e tanto basta.


E la bruna e la bionda uscìrono dal caffè.

Le prime vampate del sole nascente corrèvano ròsee sotto i pòrtici.

A. Panzini. 6