Pagina:Pascarella - Sonetti.djvu/148

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

XVI.


Ché lì mica te giova esse’ sapiente;
Nun giova avecce testa o ritintiva,
Cór mare, si nun ci hai immaginativa,
4Te l’immagini sempre diferente.

Ché lì tu hai da rifretté’ co’ la mente,
Che quello che tu vedi da la riva,
Lontano, insin che l’occhio te ce ’riva,
8Pare chi sa che cosa, e invece è gnente.

Ché lì pòi camminà’ quanto te pare:
Più cammini e più trovi l’infinito,
11Più giri e più ricaschi in arto mare.

Séguiti a camminà’ mijara d’ora...
Dove c’è er celo te pare finito,
14Invece arrivi lì... comincia allora!



— 138 —