Pagina:Pascarella - Sonetti.djvu/165

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

XXXIII.


Perché er servaggio, lui, core mio bello,
Nun ci ha quatrini; e manco je dispiace:
Che lì er commercio è come un girarello,
4Capischi si com’è? Fatte capace:

Io so’ ’n servaggio e me serve un cappello:
Io ci ho ’n abito e so che a te te piace,
Io te do questo, adesso damme quello,
8Sbarattamo la roba e semo pace.

Accusì pe’ li generi più fini,
Accusì pe’ la roba signorile;
11Ma loro nun ce l’hanno li quattrini.

Invece noi, che semo ’na famija
De ’na razza de gente più civile,
14Ce l’avemo... e er Governo se li pija.



— 155 —