Pagina:Pascarella - Sonetti.djvu/169

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

XXXVII.


Però, capischi, o bufola o vaccina,
Da quele parte lì, si ci hai famija,
Quanno che puta caso ci hai ’na fija
4Trovi subito chi se la combina.

Qui, invece, tu pòi avécce ’na regina,
Che ha tempo, ha voja a fa’ l’occhi de trija,
Ché prima de trovà’ chi se la pija,
8N’ha da attastanne arméno ’na ventina.

Lì invece, pe’ sposassele, le pregheno:
Mica è come ne l’epoca presente,
11Che vedi le regazze che se spregheno.

Perché lì li servaggi, o belli o brutti,
Appena che l’età je l’acconsente,
14Da quele parte lì sposeno tutti.



— 159 —