Pagina:Pascarella - Sonetti.djvu/176

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

XLIV.


Cusì j’avrebbe detto a quel’ingrato.
Invece quello, quello ch’era un santo,
Arimase accusì, cór core sfranto,
4Senz’uno che l’avesse consolato.

E quelli che je s’ereno rubato
La scoperta, l’onori, tutto quanto,
Nun je diedero pace, insino a tanto
8Che loro nun lo veddero schiattato.

Eh, l’omo, tra le granfie der destino,
Diventa tale e quale a un giocarello
11Che te càpita in mano a un regazzino:

Che pò esse’ er più bello che ce sia,
Quanno che ci ha giocato un tantinello,
14Che fa?, lo rompe, e poi lo butta via.




— 166 —