Pagina:Pastor fido.djvu/108

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

   Troppo indiscrete à farmi correr tanto.
   Cho.Mira nume trionfante
   A cui dà il mondo amante
   Empio tributo,
   Eccol’hoggi deriso, eccol battuto.
   Sì come à i rai del Sole
   Cieca Nottola suole,
   Ch’hà mille augei d’intorno,
   Che le fan guerra, e scorno,
   Ed ella picchia
   Col becco invano e s’erge e si rannicchia;
   Così sè tù beffato
   Amore in ogni lato,
   Chi ’l tergo, e chi le gote
   Ti stimola, e percote,
   E poco vale,
   Perche stendi gli artigli, ò batti l’ale.
   Gioco dolce ha pania amara,
   E ben l’impara
   Augel, che vi s’invesca.
   Non sà fuggir Amor chi seco tre