Pagina:Pastor fido.djvu/113

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

   Che con pensiero humano,
   A pena il capiria, ciò che capire
   Puote in pensiero humano.
   Ch’i’ t’ami, e t’ami più de la mia vita,
   Se tu nol sai crudele,
   Chiedilo à queste selve,
   Che te’l diranno, e tel diran con esse
   Le fere loro, e i duri sterpi e i sassi
   Di questi alpestri monti,
   Ch’i’ hò si spesse volte
   Inteneriti al suon de’ miei lamenti.
   Ma che bisogna far cotanta fede
   De l’amor mio, dov’è bellezza tanta?
   Mira quante vaghezze ha ’l ciel sereno,
   Quante la terra, e tutte
   Raccogli in picciol giro, indi vedrai
   L’alta necessità de l’arder mio.
   E come l’acqua scende, e ’l foco sale
   Per sua natura, e l’aria
   Vaga, e posa la terra. e ’l ciel s’aggira,
   Cosi naturalmente à te s’inchina,
   Come à suo bene il mio pensiero, e corre
   A le bellezze amate
   Con ogni affetto suo l’anima mia,
   E chi di traviarla
   Dal caro oggetto suo forse pensasse,
   Prima torcer potria
   Da l’usato cammino e cielo, e terra
   Ed acqua, ed aria, e foco,


G