Pagina:Pastor fido.djvu/123

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

   Non ti diss’io ch’amavi? hor ne son certa.
   E da me tu ti guardi? à me l’ascondi?
   A me che t’amo sì? non t’arrossire,
   Non t’arrossir, che questo è mal comune.
   Am.Io son vinta, Corisca, e te’l confesso.
   Cor.Hor che negar no’l puoi, tu me’l confessi.
   Am.E ben m’avveggio ahi lassa
   Che troppo angusto vaso è debil core
   A traboccante Amore
   Cor.O cruda al tuo Mirtillo,
   E più cruda à te stessa,
   Am.Non è fierezza quella
   Che nasce da pietate.
   Cor.Aconito, e Cicuta
   Nascer da salutifera radice
   Non si vide già mai.
   Che differenza fai
   Da crudeltà ch’offende
   A pietà, che non giova? Am. oime, Corisca.
   Cor.Il sospirar, sorella
   E debolezza, e vanità di core,
   E proprio è de le femmine dapocho.
   Am.Non sarei più crudele
   Se ’n lui nudrissi amor senza speranza?
   Il fuggirlo è pur segno,
   Ch’i’ ho compassione
   Del suo male, e del mio
   Cor.Perche senza speranza?
   Am.Non sai tù che promessa à Silvio sono?