Pagina:Pastor fido.djvu/217

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

   Col suo destin garrisce, e col disagio
   Vien roco, e perde il canto, e la favella.
   Ma tempo è già di ricercar Mirtillo,
   Ben che sì nuove e sì cangiate i’ trovi
   Da quel ch’esser solean queste contrade,
   Che ’n esse à pena i’ riconosco Arcadia.
   Con tutto ciò vien lietamente Uranio.
   Scorta non manca à peregrin, c’hà lingua.
   Ma forse è ben, ch’al più vicino hostello,
   Poi che sè stanco, à riposar ti resti.


ATTO QUINTO

SCENA II.

Pastor fido illus 28.png

TITIRO, MESSO.


   CHE piangerò di te prima, mia figlia,
   La vita, ò l’honestate?
   Piangerò l’honestate,
   Che di padre mortal sè tu ben nata,
   Ma non di padre infame,
   E’n vece de la tua
   Piangerò la mia vita hoggi serbata