Pagina:Pastor fido.djvu/223

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

   In somma egli è pur vero,
   Senza odorati fiori
   Le rive, e i poggi, e senza i verdi honori
   Vedrai le selve à la stagion novella,
   Prima che senza amor vaga donzella.
   Ma se qui dimoriam, come sapremo
   L’hora di gir al tempio?
   Mes.Qui meglio assai, ch’altrove,
   Che questo à punto è ’l loco, ov’esser deve
   Il buon pastore in sacrificio offerto.
   Ti.E perche non nel tempio?
   Mes.Perche si dà la pena, ove fu il fallo.
   Ti.E perche no ne l’antro,
   Se ne l’antro fù il fallo?
   Mes.Perche à scoperto ciel sacrar si deve.
   Ti.E onde hai tù questi misteri intesi?
   Mes.Dal ministro maggior. così dic’egli
   Da l’antico Tirenio haver inteso,
   Che il fido Aminta, e l’infedel Lucrina
   Sacrificati foro.
   Ma tempo è di partire. ecco che scende
   La sacra pompa al piano.
   Sarà forse ben fatto,
   Che per quest’altra via
   Ce n’andiam noi per la tua figlia al tempio.