Pagina:Pastor fido.djvu/245

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

ATTO QUINTO

SCENA VI.

Pastor fido illus 18.png

TIRENIO, MONTANO,

Carino.


   AFFRETTATI mio figlio,
   Ma con sicuro passo,
   Si ch’i’ possa seguirti, e non inciampi
   Per questo dirupato, e torto calle
   Col piè cadente, e cieco.
   Occhio sè tu di lui, come son’io
   Occhio de la tua mente,
   E quando sarai giunto
   Innanzi al sacerdote, ivi ti ferma.
   Mon.Ma non è quel, che colà veggio il nostro
   Venerando Tirenio,
   Ch’è cieco in terra, e tutto vede in cielo?
   Qualche gran cosa il move;
   Che da molt’anni in quà non s’è veduto
   Fuor de la sacra cella.
   Car.Piaccia à l’alta bontà de’ sommi Dei,


P 3