Pagina:Pastor fido.djvu/247

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

   Fortunato colui, che ben le ’ntende
   Stava già per condur l’ordine sacro,
   Come tu comandasti, il buon Nicandro,
   Ma il ritenn’io per accidente nuovo
   Nel Tempio occorso ed è ben tal, che mentre
   Vò con quello accopiandolo, che quasi
   In un medesmo tempo
   E hoggi à te incontrato;
   Un non sò che d’insolito, e confuso
   Tra speranza e timor tutto m’ingombra,
   Che non intendo, e quanto men l’intento
   Tanto maggior concetto,
   O buono, ò rio, ne prendo.
   Mon.Quel che tu non intendi,
   Troppo intend’io miseramente, e ’l provo.
   Ma dimmi. à te, che puoi
   Penetrar del destin gli alti segreti,
   Cosa alcuna s’asconde? Tir. ò figlio, figlio.
   Se volontario fosse
   Del profetico lume il divin’uso,
   Saria don di natura, e non del cielo.
   Sento ben’io ne l’indigesta mente,
   Che ’l ver m’asconde il fato,
   E si riserba alto segreto in seno.
   Questa sola cagione à te mi mosse
   Vago d’intender meglio
   Chi è colui, che s’è scoperto padre
   (Se da Nicandro ho ben inteso il fatto)
   Di quel garzon, ch’è destinato à morte.


P 4