Pagina:Patria Esercito Re.djvu/201

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Patria Esercito Re pxx0.png

Genova Cavalleria.1


Un centenario glorioso


Patria Esercito Re pxx9.jpg


Fu una di quelle feste che fanno bene all’anima, che ravvivano gli spiriti e ci trasportano, come in un sogno, allo splendore di quei giorni — non mai abbastanza ricordati — nei quali aristocrazia, borghesia, e popolo, non fremevano che di un solo affetto, non tendevano che a una sola mêta, uno scopo solo: Fare l’Italia.

Sì, lo ripetiamo anche una volta, e lo ripeteremo fino all’ultimo soffio di nostra vita: — Benedette queste solennità militari: benedette queste feste, nelle quali rivivono le memorie gloriose del passato, e contrastano, a una dissennata folla parricida, la demolizione di quell’edificio patrio, che alle vicine e lontane generazioni costava
  Patria Esercito Re px10.jpg
tanto grandi, e così mal ripagati sacrifici!

Il 21 aprile del 1900, come da patriottica abitudine, l’antico reggimento Dragoni del Re — ora Genova Cavalleria — per iniziativa del bravo colonnello Orazio Lorenzi, commemorava a Milano uno dei fatti più gloriosi dell’antica sua storia: la battaglia del Bricchetto, avvenuta il 21 aprile 1796; e invitava a quella festa, anche quest’anno, tutti quegli ufficiali che, pur appartenendo ad altri Corpi, avevano un tempo vestito l’uniforme di Genova.

  1. In un anniversario della battaglia del Bricchetto.