Pagina:Patria Esercito Re.djvu/62

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
44 parte prima

cipali — nella quale, circondato da un numeroso Stato Maggiore, troneggiava il biondo Generale d’artiglieria, conte Giulay, nella sua uniforme colore carta assorbente azzurrognola, coi suoi impertinenti mustacchi a uncino, ed i famosi suoi scopettoni, che gli ornavano le guance rosse come i peperoni.

L’aria, in mancanza d’ossigeno, era satura di elettricità.

Prevedere quello che sarebbe accaduto là dentro, a nessuno era dato; ma tutti sentivano, per intuito, che qualche cosa di grosso si stava preparando.

E quel qualche cosa, eccolo scoppiare fulmineo, formidabile, quando sul palcoscenico, Druidi, Bardi.... e altri armati — all’appello mistico di Norma — intonano l’inno guerriero di Felice Romani:

Guerra, Guerra! le galliche selve.... — per riprendere terribile irrefrenato al:

Sangue, sangue! — della seconda strofa.

Guerra, Guerra! — urlò scattando in piedi tutta quella imponente massa nera, che stava dietro la massa bianca delle prime tre file; simultaneamente spinte, l’una e l’altra, dal subito contrasto di opposti affetti indarno trattenuti.

Guerra, Guerra! — era il grido che si sprigionava dalle loggie, dalla platea, dal loggione, dappertutto; mentre dai loro palchetti, ritte anch’esse in piedi, le belle e.... le meno belle, donne Lombarde, sventolavano febbrili le trine dei loro fazzoletti.

Cuerra, Cuerra!.... — si urlò pure, con pronuncia tedesca, dal palchetto del generale: il quale, scattando anch’esso in piedi come il bau-bau che spaventa i bambini, si gingillava a sfoderare e rinfoderare un palmo di lama della sua durlindana, con aria provocatrice.

Figuriamoci il gran pubblico, a quella vista!

Questo si pose allora a battere le mani, a tempestare fragorosamente coi piedi; mentre tutta la ufficialità picchiava furiosamente, in atto di sfida, le sciabole sull’innocente pavimento di abete, marcando con quelle il tempo all’Inno guerriero meglio di qualunque Toscanini moderno.

Rossi i visi, di fiamma gli occhi.... era il quarantotto in teatro!