Vai al contenuto

Pagina:Pavese - Poesie edite e inedite.djvu/81

Da Wikisource.


che di là non c’è il mare, perché l’ubriaco
camminando tranquillo entrerebbe anche in mare
e, scomparso, terrebbe sul fondo lo stesso cammino.
Fuori, sempre, la luce sarebbe la stessa.

77