Pagina:Pensieri e discorsi.djvu/301

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

la messa d’oro 289

di casa sua. L’una nel tragitto fatto all’indietro, non ha veduto, non ha potuto vedere, quel che ha veduto l’altra, nel suo, fatto volando in avanti: non ha veduta la dolce madre che è sull’uscio, accorsa alle grida... Ma credete voi che ella, la dolce madre, non abbraccerà l’una, come abbraccia l’altra? Pur che essa riesca a lei, sì, non è vero? E se arretrerà, invece, verso qualche precipizio che ella non veda, la mamma farà qualche passo, volerà anzi verso la sua bambina che si perde senza volere e senza sapere! Non è vero, o uomini della chiesa, la cui anima fugge, inorridita, dal male e vola verso Dio, non è vero, che anche l’anima di costoro, pur camminando all’indietro, senza vedere ciò che voi vedete, fa lo stesso cammino e riesce al medesimo fine, quando giunge alla porta dopo cui ormai si è sicuri? E ciò, perchè ella è guidata da un sentimento eguale al vostro, di odio al male che è lo stesso che amore del bene?

A ogni modo, o anime che volate dritte, o anime che fuggite a ritroso, nel comune tragitto che è del bene, sino alla porta che vi nasconderà tutte, non vogliatevi male! Quel tragitto è proprio un volo e una fuga, e dura così poco!



VI.


Non vogliatevi male; anzi date la prova che all’amore ubbidite, sì voi uomini di chiesa, sì voi uomini di scienza, amandovi gli uni gli altri...

Ma gli uomini di scienza interrompono:

“Non è l’amore, se non esclusivamente di sè,