Pagina:Pervigilium Veneris (Romagnosi).pdf/9

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

AL VOLUME II. 31


All’indoman di Cípride — Fu per volere indetto
     De’ fior che in Ibla sorgono — Sia un tribunale eretto.

Da lei medesma preside — Decreti emaneranno;
     Compagne nel giudizïo — Le Grazie sederanno.

Ibla, i fior tutti versaci — Nell’anno intier raccolti,
     E stare quanti possono — D’Enna nel campo accolti.

Quì saran quante vivono — Fanciulle in ville o in monti;
     Quante in le selve albergano, — Ne’ sacri boschi o ai fonti.

Tutte, mercè il suo placito, — La Diva quì le aduna:
     Ad Amor senza spoglia — Vieta il dar fede alcuna.
                  Ami domane, ec.

Già il toro il fianco adagia, — E la ginestra ingombra;
     Ecco belanti greggie — Co’ lor mariti all’ombra.

Quanto cammina o striscia, — E quanto spiega l’ali,
     Tutto s’affrena e abbracciasi — Con nodi conjugali.

Già senti i cigni garruli, — De’ stagni in mezzo all’onda,
     Col rauco loro strepito1 — Far rintronar la sponda;

E del pennuto genere — Alle canore schiere
  La Diva diede l’ordine — Ora di non tacere.

La violata da Téreo — Vergin col canto dolce
     Del pioppo all’ombra l’etere — Ad ogn’intorno molce;

Talchè diresti esprimere, — Invece del lamento,
   Desir d’Amori teneri — In musico concento.

E la sorella in gemiti, — Diresti, non rivela
     Contro il marito barbaro — L’orror di sua querela.

Essa già canta, e taciti — Starem noi solo a udire
     Se primavera vedesi — Di nuovo a comparire?

Quando verrà che simile — A rondinella io sia,
     E fine al mio silenzio — Così da me si dia?
                  Ami domane, ec.

  1. Uno de’ pochi poeti che non ripeta la stolida canzone del soave canto del cigno.