Pagina:Piccole storie del mondo grande - Alfredo Panzini - 1901.djvu/59

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

leuma e lia 47


*


Astese anche nel nuovo letto, fra le lenzuola fresche di lavanda, si addormentò del sonno del giusto. Però verso il dilucolo, la leggerezza del sonno fu attraversata prima da un suono come di sonagliere e di ruote, un suono allegro quale di diana alpestre; poi da un vagito di bimbo che pareva un richiamo alla vita, infine quando la luce segnò la croce della finestra, dal canto di un gallo con un sentimento di aer sereno: suoni non sgradevoli che lo cullarono come in un sogno e fecero scendere quell'onorevole giù in un secondo sonno, dal quale lo svegliò una voce, questa volta distinta, la quale disse:

- È permesso?

Era la signora suocera che, con cortesia campagnola, venìa ella stessa ad aprir la finestra e a portare il caffè.

- Ma è ben tardi, - disse Astese quando vide la luce calda del mattino che ebbe invaso la stanza.

- Oh, stia zitto - disse con rincrescimento la signora - che abbiamo avuto tanta paura