Pagina:Piccolo Mondo Antico (Fogazzaro).djvu/132

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
128 capitolo v

siderio che non sia liquido e fuggevole, lo mastica, lo pacchia, se lo spalma per la bocca; e quando di tanto in tanto posa il bicchiere sul tavolino, non lo lascia però nè con la mano nè con gli occhi imbambolati.

«Povero ingegnere!» esclamò Pasotti. «Povero Ribera! È un buon galantuomo, ma...»

E tira e tira, il disgraziato signor Giacomo cominciò a venir su, dietro all’amo e al filo.

«Mi propramente» diss’egli «no volea. El me gà fato zo. - Vegnì, el dise; percossa mo no golìo vegner? Mal no se fa, la cosa xe onesta. Sì, digo, me par anca a mi; ma sto secreto! Ma! La nona! el dise. Capisso, digo, ma no me comoda. Gnanca a mi, el dise. Ma alora, digo, che figura fèmoi, ela e mi? Quela del m... el dise con quel so far de bon omo ala vecia, che, cossa vorla? el xe propramente per el mio temperamento. Alora vegno, digo.»

Qui si fermò. Pasotti aspettò un poco e poi, con prudenza, tirò il filo. «Il male si è», diss’egli, «che a Castello se ne sia parlato.»

«Sì signor, e me lo son imaginà. Tase la famegia, tase l’ingegner, taso mi che s’intende, ma no taserà el piovan, no taserà el nonzolo.»

Il parroco? Il sagrestano? Adesso Pasotti capì. Trasecolò; non si aspettava un affare così grosso. Versò da bere al malcapitato signor Giacomo, gli cavò facilmente tutti i particolari del matrimonio e cercò di cavargli pure i progetti degli sposi;